Sesso tra amici? In realtà non ho mai pensato di finire a letto con un uomo, tantomeno con il mio vicino di casa. Non ricordo di aver allacciato nessun dialogo importante con lui. Il nostro rapporto si è sempre basato sulla cortesia reciproca da pianerottolo. Capitava sovente, però, che Filippo ed io ci ritrovavamo (casualmente) spesso nel vicino club privè. In quei casi entrambi facevamo finta di non conoscerci. Una sera però il connubio amici e sesso istintivamente si accese all’improvviso e lo scopare tra amici diventò una realtà. Ma andiamo con ordine.

Sesso tra amici, tutto iniziò così…

Non mi è mai balenato per la testa di fare sesso tra amici, tantomeno quella sera che bello come il sole mi stavo preparando per uscire. Non mi sarei perso lo striptease di Alessia per nessuna cosa al mondo. Sandra, mia moglie, è in trasferta per lavoro e rientrerà a casa solo tra un paio di settimane. Improvvisamente sento il campanello di casa trillare. Sorpreso mi avvicino all’ingresso, ma prima di aprire dall’occhiello della porta guardo chi osa interrompere i miei preparativi. Con stupore vedo la sagoma di Filippo e irrazionalmente apro. Non faccio in tempo a dire nulla che il mio vicino si piomba all’interno della mia abitazione con solo un asciugamano legato in vita: “Scusa se ti disturbo, ma non capisco come mai il boiler dell’acqua non parte, non è che per caso puoi venire a vedere? Te ne sarei grato“. Volevo rispondergli che avevo un appuntamento urgente, ma acconsento. 

Godetevi il sesso tra amici

È la prima volta che metto piede nel suo alloggio. Filippo mi fa strada. Sbalordito guardo il suo corpo muscoloso, le sue spalle larghe e le gambe ben definite. Abituato ad osservarlo con il suo solito completo a doppio petto grigio o blu, non immaginavo che sotto all’abito si nascondesse un fisico così curato. Un grosso tatuaggio raffigurante un tribale posto sulla schiena stuzzica la mia curiosità. Sto per chiedergli delucidazioni sul significato del disegno quando la voce grezza del mio vicino di casa interrompe i miei pensieri. “Ecco, vedi un po’ se ci capisci qualcosa: qui c’è la borsa con gli attrezzi, se hai bisogno sono in salotto”.

In fretta e furia cerco di capire qual è il problema. Quasi immediatamente mi accorgo che la spia d’accensione è semplicemente spenta. Con un solo gesto del dito attivo il pulsante e l’apparecchiatura riparte. Dal bagno chiamo ripetutamente Filippo e mentre lo faccio nella mia testa mi ripeto che è bello, ma stupido… insomma, solo un idiota non può accorgersi del pulsante arrestato. Lo richiamo ma non ottengo risposta. Decido di cercarlo. 

“E’ solo sesso tra amici!” … ne siete sicuri?

Lo trovo sdraiato sul divano che guarda un film porno. Ancora una volta è lui il primo ad attaccar bottone: ”Amico, non stare lì da solo, vieni qua, guarda questa puttana come si fa fottere”. Mi avvicino, non per guardare le scene del film, ma attratto dai mugugni di piacere che all’udito mi sembrano alquanto familiari. Sbalordito non credo a ciò che il filmato riproduce: mia moglie Sandra sdraiata sul letto che si fa “montare” da un altro uomo. Solo in un secondo momento dal video riconosco il tatuaggio di Filippo. Dopo un momento di sbalordimento prendo coscienza e istintivamente salto addosso al bastardo con una furia inaudita. Con violenza affondo una serie di pugni sul suo stomaco, poi con entrambe le mani gli afferro il collo e con forza premo sulla gola. Un pugno diretto mi colpisce in pieno il viso scaraventandomi sul pavimento. Insanguinato e stordito in qualche modo mi alzo. Un calcio sulla pancia mi toglie il fiato facendomi nuovamente cadere a terra. Perdo i sensi.

Al mio risveglio…

Dopo non so quanto tempo riprendo conoscenza. Nudo come un verme, non riesco a muovermi, ho le mani bloccate dietro alla schiena da delle manette. Alcuni strati di nastro adesivo, accuratamente posti sulle mie labbra, ostacolano il flusso della respirazione. La mia testa e il petto poggiano su un morbido puffo. Inginocchiato, sento il freddo delle piastrelle salire sino alla fronte. Spaventato mi dimeno, cerco di liberarmi, ma senza risultato. Filippo richiamato dai rumori si avvicina a me: ”E’ giunta l’ora di divertirsi, non penserai mica di cavartela così… vedrai che da oggi in poi ti piacerà fare sesso con amici”. Scavalcandomi si mette dietro di me e con le mani mi divarica il culo. Sento il suo dito entrare ed uscire diverse volte dal mio ano. Una serie di sberle s’infrangono sulle mie chiappe. “Ora ti apro il culo e ti faccio godere come nessuno ha mai fatto. ” In quel preciso istante la sua cappella cerca rifugio dentro le mie vergini chiappe.

sesso tra amici il racconto del protagonista

Tante strane sensazioni in quel preciso istante s’impadroniscono di me. Il dolore e il piacere si mescolano insieme dando origine ad una nuova soddisfacente emozione. Il suo cazzo preme con forza e mentre spinge accresce anche la mia eccitazione. Inaspettatamente mi s’indurisce il cazzo. Filippo lo afferra tra le mani e mentre continua la sua galoppata verso la soddisfazione, con una mano masturba il mio membro carnoso. Non sento più male, adesso, una spassosa sensazione attraversa tutto il mio corpo. Il mio cazzo frulla vertiginosamente tra le avvolgenti dita del mio “stupratore” e un’esagerata quantità di sperma fuoriesce dalla mia cappella pulsante. Lui, goduto, ripulisce la sua mano tra i miei capelli e con aria soddisfatta mi sborra sul volto. Sono inondato dal suo seme caldo, corposo e copioso. Poi mi sbatte la sua cappella gocciolante in bocca e mentre mi libera dal nastro adesivo, mi chiede di ripulire tutto. Lo faccio, sono soggiogato da lui.

Amici sesso e sesso amici, due parole che insieme non avrei mai accostato e invece…

In silenzio aspetto la mia “liberazione” che inspiegabilmente non avviene. L’aguzzino si allontana, ma subito dopo lo vedo tornare con una videocamera. Senza chiedermi nulla riprende il mio volto ancora pieno di sborra colante, il mio uccello ancora in tiro e ancora gocciolante, il mio culo sfondato e il mio corpo immobilizzato. Dopo di che con la telecamera accesa mi piscia sulla schiena. Sento la pioggia dorata scivolare su di me e nuovamente il suo cazzo fra le chiappe. Mi prende ancora, sono suo completamente. Lo sento spingere, lo sento tutto dentro affondare nella mia carne. Il mio cazzo si è rifatto duro e Filippo continua a montarmi e a sbattermi proprio come aveva fatto con mia moglie. Lo sento ansimare, lo sento godere, ma soprattutto lo sento dentro. Tutto! Fatto di me ciò che ha voluto, il mio vicino di casa mi slega e mi lascia andare.

sesso tra amici

Esausto e umiliato non ho le forze di reagire e fuoriesco dal suo appartamento per entrare nel mio. Sono diventato l’amante dell’amante di mia moglie. Da quella sera fare sesso tra amici, o meglio fare sesso con Filippo è diventata un’abitudine. Ero diventato il suo sborratoio e non riuscivo a fare a meno della sua dominazione, ma mi mancava la mia parte attiva.

Amicizie durature e amicizie che appassiscono

Al rientro dal lavoro Sandra mi chiede di stare un po’ insieme, entusiasta, non me lo faccio ripetere due volte. Al mio arrivo dal lavoro trovo l’appartamento completamente buio. Dal salone arrivano alcune voci, la televisione è accesa e inspiegabilmente dal monitor passano le immagini del “video scandalo” che mi vedono “protagonista”. Sandra mi sorride, io rimango immobile, incredulo, poi mia moglie mi chiede: ”Ti è piaciuta la sorpresa che ho preparato per te? Avrei voluto incularti io come una troia, adesso spogliati schifosissimo schiavo e fatti scopare dalla tua padrona, anzi mi correggo, dai tuoi padroni”. Riconosco la sagoma di Filippo  far il suo ingresso nella stanza. La sua voce immediatamente mi ordina di denudarmi. Mi sento tradito, tradito da entrambi. Nel giro di qualche secondo riordino i pensieri, mi giro verso la porta d’uscita e ad alta voce mando a quel paese entrambi. 

La svolta

Sono passati diversi anni da quando ho fatto per la prima volta sesso con un amico e la mia vita è cambiata radicalmente. Ora vivo con Marta, abbiamo una relazione aperta… entrambi siamo bisex, divorziati e facciamo sesso tra amici liberamente, ma solo con partner del nostro stesso sesso; ci siamo tenuti l’esclusiva del sesso etero solo per noi. Insieme stiamo molto bene, anche se alcune volte litighiamo come due ragazzini. 

Filippo ha lasciato la sua fidanzata per mettersi con Sandra. Tutti e due hanno vissuto per qualche anno nel mio ex appartamento, sino a quando Filippo ha deciso di scaricare la mia ex moglie per un ragazzo statunitense. 

sesso tra amici bisex, la storia vera di un ragazzo bisex

Ho saputo che Sandra presto si trasferirà in Olanda. Certe volte mi chiedo che cosa le passasse per la testa in quel periodo, poi mi rassereno. È andata così e sinceramente parlando grazie a lei ho scoperto, o forse è meglio dire liberato, un lato della mia persona che sonnecchiava dentro di me e che per paura avevo sempre represso. 

Sesso tra amici, diteci la vostra!

  • Secondo voi: 
  • il sesso tra amici migliora la relazione?
  • il sesso tra amici fortifica l’amicizia?
  • essere amici di letto e fare sesso tra amici senza coinvolgimenti sentimentali è possibile?
  • il sesso tra amici esiste?

E voi avete mai fatto sesso tra amici? Avete un “trombamico” o siete il “trombamico” di qualcuno?

LEGGI ANCHE

IL VICINO DI CASA è L’UOMO PiU’ DESIDERATO, ECCO PERCHE’

CINEMA PORNO: IL PORNO CINEMA DIVENTA REALE. VI RACCONTO LA MIA ESPERIENZA

GLI UOMINI CON LA PANCIA DURANO DI PIÙ E FANNO MEGLIO L’AMORE  (clicca qui)

Leave a Reply

Lascia un commento