Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 – febbraio 2006

Brigitta Bulgari, astro emergente del firmamento hard non solo italiano, riuscirà a diventare la nuova principessa del porno, sulle orme di Cicciolina e Moana? Allo stato attuale delle cose siamo tentati di rispondere “sì”. Con questa nuova interprete di altissimo livello dell’hard, infatti, stanno ritornando d’attualità il gusto dello scandalo erotico e il sensazionalismo della provocazione audace, fenomenologie di cui, da qualche anno a questa parte, si era perso persino il ricordo. Intanto, Brigitta Bulgari sta consolidando la propria immagine, sia in termini di vendite che nella dimensione del gradimento. Da ogni “performance” esce rafforzata e vincente…

Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 - febbraio 2006

A scoprirla è stato (e chi altri, se non lui, poteva farlo?) Riccardo Schicchi, il nume tutelare, il deus-ex-machina, il pontifex maximus dell’hard italiano. Ma a gestire al meglio l’immagine di Brigitta Bulgari è la Pink’O di Rimini. Come dire che, se Schicchi è un talent scout di altissimo livello, ormai i tempi in cui i diamanti venivano presi in custodia dagli artigiani è tramontato. A occuparsene sono aziende di livello internazionale, dall’organizzazione capillare e micidiale (nel senso buono del termine). Per inciso: in questo numero parliamo di Brigitta e in uno dei prossimi faremo, naturalmente, anche il ritratto della Pink’O. Il successo di Brigitta ricorda, sotto molteplici aspetti, quello di altri personaggi, egualmente scoperti da Diva Futura.

Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 - febbraio 2006

Personaggi che hanno fatto epoca e che hanno rappresentato tappe fondamentali e indimenticabili nella storia del costume italiano. Alludiamo (e il lettore lo ha certamente già capito) a Cicciolina e Moana. Tutte e tre bionde le protagoniste di cui stiamo parlando: che le bionde piacciano a Schicchi oppure piacciono agli italiani? Probabilmente entrambe le ipotesi sono vere. Naturalmente, ogni sex-symbol è una realtà autonoma. Cicciolina e Moana erano profondamente diverse, addirittura agli antipodi per certi versi. Entrambe hanno avuto un successo furibondo: apparentemente facevano e dicevano le stesse cose, ma in realtà con due stili assai diversi. E oggi tocca a Brigitta: anche questa bionda (ungherese, come Cicciolina) esibisce una personalità grintosa che, se da un lato la apparenta ai miti del passato, dall’altro la rende differente.

Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 - febbraio 2006

A questo punto del discorso, si potrebbe facilmente argomentare che, in definitiva, l’unica cosa che conti davvero è rappresentata dai gusti del pubblico. Non si diventa “regina del porno” se non è il pubblico a decretare il successo. Nel caso di Brigitta Bulgari il successo è arrivato (velocemente) e il fenomeno non accenna, per il momento, a registrare sintomi di crisi. Al contrario: il nuovo personaggio è in ascesa continua e, stando alle dichiarazioni della diretta interessata (vedere intervista) mira molto in alto. E’ ancora presto per sapere come stanno veramente le cose. Certo che questa Brigitta acchiappa parecchio, altera e scontrosa, snob e raffinata. Anche nelle scene più spinte, sembra quasi voler dire: “Per fortuna sono arrivata io a rendere eccezionale questa scena, che, senza di me, sarebbe stata di una volgarità pazzesca”.

Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 - febbraio 2006

In soldoni: potrebbe trattarsi di un trucchetto da baraccone, giusto per darsi un’aria più originale e indipendente, rispetto agli altri miti di questo mondo virtuale, ma potrebbe anche essere la verità: una verità splendida e sorprendente. Come spesso accade, una verità che sfugge agli sguardi appannati e affaticati di noi creativi d’arte e mestieranti delle turpitudini umane, giornalisti, critici e cinematografari, ma che viene perfettamente individuata e registrata dagli occhi, più diretti e rilassati, dello spettatore medio…


L’INTERVISTA: “Sono nelle migliori condizioni per fare cose fantastiche”

La Mela di Eva: Come sei arrivata al mondo dell’hard?

Brigitta Bulgari: Fino all’età di ventun anni sono vissuta a Budapest, dove, dopo le scuole superiori, ho iniziato gli studi di giurisprudenza. Ho cominciato a sfidare come modella. Senza falsa modestia, credo che avrei avuto le carte in regola per sfilare accanto alle top model più affermate. Ma qualcosa è andato storto. Mi sono resa subito conto che un bel corpo e un bel volto non sono sufficienti a garantirti un lavoro nel settore della moda. I compromessi da accettare sono tanti, troppi. Ci sono ipocrisia, invidia e arrivismo. Così ho capito che, se dovevo comunque fare sesso per fare carriera, potevo farlo davanti a una telecamera con chi volevo io. E, dal momento che ho sempre avuto una mentalità molto aperta, considero il porno alla stregua di un gioco. Mi piace, faccio porno perché mi piace: non ho mai fatto qualcosa che non mi piacesse.

La Mela di Eva: Qual é la parte del tuo corpo che ami di più?

Brigitta Bulgari: E quale di meno? E perché? Amo i miei piedi, mi piaccio tutta e ringrazio mia madre e mio padre.

La Mela di Eva: Qual é il segreto del tuo successo?

Brigitta Bulgari: Penso che il mio successo sia dovuto alla mia bellezza, ma anche alla mia personalità, visto che sono aperta alla vita e al giusto di sperimentarla. Cioé mi trovo nelle condizioni ottimali per fare cose fantastiche.

Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 - febbraio 2006

La Mela di Eva: Che cosa ti manca?

Brigitta Bulgari: La famiglia, ma adesso non è per me il momento più opportuno per creare una famiglia. Ma un giorno spero proprio di poter avere cinque figli…

La Mela di Eva: Qual é il tuo uomo ideale? E qual é la prima cosa che guardi in un uomo?

Brigitta Bulgari: Mi piacciono gli uomini romantici e gentili e detesto quelli che non lo sono. Quando incontro un uomo, per me la cosa più importante è l’emozione che provo nel conoscerlo. Non guardo subito l’aspetto fisico. Soltanto in un secondo tempo vado a controllare mani e piedi. Lo stesso faccio, del resto, anche con le donne.

Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 - febbraio 2006

La Mela di Eva: Quale é stato il posto più insolito in cui hai fatto sesso?

Brigitta Bulgari: Dove lo farei o dove l’ho fatto… è stato in aereo.

La Mela di Eva: Che rapporto hai con la cucina e la gastronomia?

Brigitta Bulgari: Non sono particolarmente golosa, adoro il mango e il kiwi e tra i piatti italiani preferisco la carbonara. Fino a oggi non ho ancora avuto il tempo di imparare a cucinare, ma mi sono ripromessa di riuscirci.

La Mela di Eva: Sei gelosa?

Brigitta Bulgari: Sì, sono gelosa, sono gelosa perché amo qualcuno. Quando non sono più gelosa, questo significa che non amo più quella persona.

Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 - febbraio 2006

La Mela di Eva: E parliamo finalmente di sesso: ti piace fare sesso? Nel sesso contano le dimensioni? Qual é la tua posizione preferita? Quando fai sesso anale, senti più dolore o piacere?

Brigitta Bulgari: E’ ovvio che mi piace il sesso: a chi non piace? Le dimensioni sono fondamentali. Senza di queste, il sesso è vuoto. Quanto alla mia posizione preferita, preferisco non rispondere e mi limito a invitarti a guardare i miei film. Se sei un po’ psicologa, arrivi in fretta a risponderti da sola… Nel sesso anale non trovo particolari differenze rispetto a quello vaginale. Mi piacciono tutti e due…

La Mela di Eva: Che cosa ti piace dell’Italia?

Brigitta Bulgari: Dell’Italia mi piace tutto, soprattutto la gente e come si comporta con me.

La Mela di Eva: Il tuo hobby preferito?

Brigitta Bulgari: Mi piace guidare un’auto veloce e non fermarmi mai.

La Mela di Eva: Come si svolge la tua giornata-tipo?

Brigitta Bulgari: Mi sveglio, doccia, ginnastica e poi al lavoro. Nel pomeriggio cerco di stare con gli amici, vado al cinema e a mangiare qualcosa.

Servizio pubblicato su La Mela di Eva Magazine N.1 - febbraio 2006

La Mela di Eva: Che cosa pensa la gente di te?

Brigitta Bulgari: Di solito, non piaccio subito alla gente. Pensano che questa bella ragazza bionda non si possa fermare a parlare con loro, ma io vorrei veramente avere l’opportunità di farmi conoscere dalla gente. Io non mi considero snob e ho molto interesse a conoscere gli altri.

La Mela di Eva: Qual é la tua zona erogena?

Brigitta Bulgari: Il collo.

La Mela di Eva: Hai mai avuto un orgasmo sul set?

Brigitta Bulgari: Certo, sì.

La Mela di Eva: Che cosa ami e che cosa odi del set?

Brigitta Bulgari: Odio la gente che litiga sul set, quelli che parlano tra loro. Vorrei che su ogni set la gente si confrontasse per ottenere sempre il massimo. Mi piace quando si sorride tutti insieme perché siamo contenti del lavoro fatto.

La Mela di Eva: Ti piacerebbe partecipare a un film non hard?

Brigitta Bulgari: E’ il mio sogno.

La Mela di Eva: Progetti per il futuro?

Brigitta Bulgari: Fare televisione in Italia e poi sbarcare in America e fare qualcosa di speciale.

Leave a Reply

Lascia un commento